Going Public '04 Artists ITA

  • warning: Creating default object from empty value in /home/amaze/domains/amaze.it/public_html/AMAZE/sites/all/modules/i18n/i18ntaxonomy/i18ntaxonomy.pages.inc on line 34.
  • warning: include_once(sites/all/modules/i18n/i18ntaxonomy/taxonomy.pages.inc): failed to open stream: No such file or directory in /home/amaze/domains/amaze.it/public_html/AMAZE/includes/theme.inc on line 613.
  • warning: include_once(): Failed opening 'sites/all/modules/i18n/i18ntaxonomy/taxonomy.pages.inc' for inclusion (include_path='.:/usr/local/lib/php') in /home/amaze/domains/amaze.it/public_html/AMAZE/includes/theme.inc on line 613.

artista e sociologo. Autore tra i più significativi e impegnati nel panorama europeo, effettuerà per la prima volta in Italia, una lecture, presentazione speciale per Going Public 04, sul tema dei confini all'interno proprio percorso artistico.

gruppo poliedrico di architetti, musicisti, artisti di Tijuana, fondato nel 1995 da Raul Cardenas. Concentrano il loro impegno sociale e politico, sull'analisi delle problematiche relative al confine Messico-USA. Con il progetto "SOS- architettura de emergencia" realizzano abbigliamento, alloggi, e ripari provvisori per i meno abbienti. Per Modena presentano un progetto pubblico, in parallelo con la Biennale di Liverpool, sul riciclo di oggetti. Invece di riempire le ns. città di spazzatura viene proposto di ripensare agli oggetti in forma nuova e donarli a Torolab, tramite Going Public.

fotografa. Presenta una nuova mappatura dei confini palestinesi secondo la visuale dei villaggi nomadi del deserto del Negev, a Sud della Palestina, villaggi che sono già stati cancellati nelle mappe israeliane, come se non esistessero più.

gruppo di architetti, artisti, fotografi, sociologi, fondato da Stefano Boeri. Ripropongono nei sottopassi della Stazione di Modena il loro progetto realizzato appositamente per la città a Going Public 03, tratto dalla ricerca "USE, Uncertain States of Europe".

scrittore, giornalista, videomaker. Con la sua opera effettua una indagine sociologica sulla condizione del popolo egiziano e sul quello libanese. Nella serie di video d'artista che saranno presentati presso la Sala Truffaut il 20 ottobre, l'autore sviluppa un linguaggio poetico e politico, in cui lo spazio urbano interagisce strettamente con i suoi abitanti.

propone una nuova mappatura delle città contemporanee attraverso l'espansione delle periferie nella Grecia mediterranea. Con il progetto NoMAD (Non Metropolitan Areas Data), l'autrice esplora e documenta la trasformazione del territorio greco, raccogliendo, in un ampio data base nel web, la proliferazione di casi in cui la linea di confine tra vita pubblica e vita privata coincide.

La sua opera si basa sullo studio della situazione relativa alla linea di confine a Cipro, tra Grecia e Turchia, e in particolare sui casi delle "ghost cities", le città abbandonate a causa del conflitto cipriota. In questi luoghi, vuoti e desolati, Zafos ha raccolto i suoni, il battito di campane, lo scorrere lento del tempo, e lo restituisce tramite una installazione sonora presso la Stazione Provinciale di Modena.

Con il progetto "Gibilterra. Geografie migranti" i due architetti Federico Zanfi e Filippo Poli (f/p + f/z), hanno svolto una ricerca sui movimenti dei flussi migratori dal Marocco al sud della Spagna, analizzando i passaggi di confini sullo stretto di Gibilterra. Per Going public'04 propongo un opera complessa e inedita: si tratta di un grande tappeto su cui vengono disegnate le rotte dei migranti. Ai grafici si affiancano i volti, storie di persone che si raccontano.

attraverso due videoinstallazioni differenti le artiste criticano il sistema di occupazione territoriale effettuato dal loro paese. Ofri Cnaani propone un video in cui la lotta tra due donne in un territorio presso Tel Aviv, si trasforma in una sorta di danza. Sigalit Landau "danza" relamente con il filo spinato, un hulaop doloroso e lacerante, come la situazione che sta vivendo il suo paese.

Nasce questo gruppo fondato da Francesco Jodice, e composto da ricercatori in diversi campi: dall'arte, alle relazioni internazionali, dall'informatica al film-making, al giornalismo. Attraverso Scenario, invitano il pubblico ad avere una visione "ludica" della geografia mondiale, per cui tutti, con una grande mappa interattiva, possono modificare secondo la propria fantasia, i confini territoriali. Il progetto "Scenario" è ideato e realizzato appositamente per Going Public'04, e si svolge con un azione performativa e un film, presso la Piazza della Pomposa di Modena.

Condividi contenuti